Caffè verde per dimagrire: promosso o bocciato?

ABC caffè

Caffè verde per dimagrire o caffè da tostare e degustare…

Caffè-verde-per-dimagrire

Il caffè verde non è un caffè generato da dei chicchi verdi, ma è dato da dei chicchi di caffè non torrefatto, ormai diventato di moda tra i prodotti per dimagrire come “caffè verde per dimagrire”.

Quello che si trova in commercio con questo identificativo non è altro che un miscuglio di chicchi di caffè crudo, quindi non tostato, di qualità robusta, che ha quasi le stesse caratteristiche del caffè classico già torrefatto.

E’ ormai noto che bere alcune tazzine di caffè al giorno facciano bene per il cuore, per la disintossicazione del colon, per un cervello più attivo, ed è altrettanto noto che la caffeina aiuta i processi digestivi, dimagranti e aiuti a rassodare la pelle.

Le principali proprietà benefiche del caffè (caffè nero classico e caffè verde o crudo):

  • Antiossidante e antiinfiammatorio – azione antiossidante dovuta alle componenti e alle vitamine presenti nel caffè
  • Metabolismo dei grassi – l’azione della caffeina, che ha un effetto lipolitico e di riduzione dell’assorbimento dei grassi
  • Livelli di glicemia – il caffè stesso agisce sulla mucosa intestinale diminuendo la quantità di zuccheri assorbiti.

La differenza tra caffè verde e il caffè classico è minima e consiste principalmente nella quantità e nella qualità della stessa caffeina, oltre che nelle modalità di assunzione.
Il caffè classico si assume in tazzina più volte al giorno, con caffè tostato, macinato e preparato con macchina per espresso, con moka, con macchina a cialde o capsule.
Sia il caffè classico che quello verde hanno quantità di caffeina diverse a seconda della miscela di caffè scelta e della sua tipologia (robusta).

Il caffè verde si trova in commercio in diverse forme: in compresse o in bustine solubili, da assumere con modalità e quantità definite dal produttore, oppure si trova direttamente in chicchi di caffè. I chicchi di caffè verde sono esattamente gli stessi che una torrefazione come ABC caffè si trova a tostare ogni giorno, ma vanno tritati finemente a mortaio e consumati come un infuso.

Ma perché il caffè verde è denominato “caffè verde per dimagrire” e il caffè classico no?

E’ noto come “caffè verde per dimagrire”, oltre che per le proprietà della caffeina, per il suo contenuto in acido clorogenico, che dicono essere più abbondante nei chicchi di caffè che non sono stati torrefatti appunto. Proprio all’acido clorogenico si associano le proprietà dimagranti del caffè verde; è uno dei polifenoli presenti nel caffè e che rendono il caffè un forte antiossidante.

Le proprietà dell’acido clorogenico sono quelle oggetto di dimagrimento e in realtà non sono state provate scientificamente; anzi, l’Autorità Europea per la sicurezza alimentare (Efsa) non ha riconosciuto le qualità bruciagrassi di questo caffè e il caffè verde dimagrante diventa così solo una nuova moda.
Per l’effetto dimagrante: bocciato.

Per gli effetti benefici: promosso.

Noi di ABC caffè non possiamo che accettare le analisi scientifiche dell’Efsa e continuare a sostenere tutte le qualità del caffè, verde o nero che sia e continuiamo a tostarlo a regola d’arte secondo il metodo artigianale di sempre per realizzare i nostri blend più ricercati.

Tags: caffè, curiosità,